15/02/2021
Trieste seconda in Italia per numero di startup innovative
È quanto si legge nell’indagine di Unioncamere, Mise e Infocamere. In FVG grande attenzione per il settore cultura e creatività.
Supporto alle Startup
Trieste seconda in Italia per numero di startup innovative

Trieste si conferma città di startup innovative. È quanto emerge dall’ultima indagine di Unioncamere, Mise e Infocamere, relativa al 4° trimestre 20 (dati elaborati al 1° gennaio 2021), in cui si legge che Trieste è la seconda provincia d’Italia per numero di nuove imprese.

Il capoluogo giuliano registra il 6,3% di startup innovative in rapporto al numero di nuove società di capitali attive, seconda solo a Trento con il 7,7%. Seguono a pari merito Pordenone e Milano (6,0%), Cuneo (5,5%) e Udine (5,1%).

In Friuli Venezia Giulia sono quindi ben tre le province presenti nei primi sei posti della classifica e questo fa guadagnare alla regione il secondo posto nella classifica nazionale (dopo il Trentino Alto Adige) dei territori con la più elevata incidenza di startup innovative con meno di cinque anni e cinque milioni di fatturato annuo.

Negli ultimi anni si è registrato un crescente interesse nei confronti del settore cultura e creatività, tanto che l’amministrazione regionale ha deciso, in un’ottica di crescita intelligente e sostenibile, di supportare la nascita e lo sviluppo di imprese culturali e creative attraverso dei programmi di incubazione e accelerazione di impresa il cui coordinamento tecnico è stato affidato ad Area Science Park.

Il progetto, nato dall’accordo tra Regione Friuli Venezia Giulia e Area Science Park, è finanziata mediante i fondi POR FESR FVG 2014-2020 e coinvolge tutti e 4 gli incubatori regionali certificati con l’intento di fornire servizi qualificati di supporto e assistenza tecnica ai progetti culturali e creativi selezionati attraverso specifici bandi. A oggi sono 59 i progetti imprenditoriali nati o supportati dagli investimenti regionali.

La diffusione della cultura e il rafforzamento del sistema culturale e creativo rappresentano, infatti, il presupposto per una crescita complessiva della persona e dell’intera comunità. Quest’area di specializzazione regionale rappresenta inoltre un settore imprenditoriale in cui impiegare in modo proficuo le risorse finanziarie a disposizione per lo sviluppo del tessuto economico del territorio e per la diffusione dell’innovazione trasversalmente a tutti i settori produttivi.

Su questi presupposti è nato anche il Cluster Cultura e Creatività, un’iniziativa della Regione Friuli Venezia Giulia e gestita da Informest assieme ad Area Science Park, Friuli Innovazione, Polo Tecnologico Alto Adriatico, BIC incubatori FVG, che promuove, coordina e mettere in rete l’intera filiera produttiva pubblico e privata di imprese, professionisti, associazioni e strutture pubbliche (centri di ricerca, università, enti locali e regionali) connessi ai due settori.

Tra i suoi obiettivi creare un unico grande catalogo digitale in cui raccogliere competenze e professionalità che operano nei settori culturale e creativo del Friuli Venezia Giulia; raccogliere e diffondere informazioni su possibili nuovi canali di finanziamenti e opportunità di incontri formativi e networking; promuovere la cooperazione tra imprese culturali e creative, realtà pubbliche e private.

Qui il report sulle Start Up Innovative.

CONTATTACI

Cerchi opportunità professionali? Scopri la sezione con le selezioni per assegni e borse di ricerca, bandi di concorso e altre offerte di lavoro

  • Favoriamo la creazione di posti di lavoro e lo sviluppo economico
  • Miglioriamo la competitività delle aziende
  • Trasformiamo le idee in risultati economici
  • Valorizziamo i risultati della ricerca

se clicchi INVIA aderisci alla policy privacy