TILT lancia “Adotta una startup”, modello di innovazione di impresa nell’era Industry 4.0

17/05/2017 - Supporto alle Startup - Digitale & ICT
Presentate oggi a Trieste le tre nuove startup nell'ambito di un incontro dedicato a impresa, economia digitale e innovazione

Teorema Engineering, azienda tecnologica italiana focalizzata nel supportare le aziende nei loro percorsi di Digital Transformation, e AREA Science Park hanno inaugurato oggi il Summit “TILT. Impresa, economia digitale e startup. Innovazione tra passato e futuro”.

Il Summit è organizzato con rappresentanti delle Istituzioni nazionali e locali, del mondo Accademico e scientifico e di aziende del mondo privato, per creare un contesto autorevole di analisi e conoscenza sui temi dell’Industry 4.0 e dello Smart Manufacturing e le sue declinazioni.

Dopo il saluto delle autorità, Zeno D’agostino, Presidente Autorità Portuale di Trieste, Roberto Dipiazza,  Sindaco di Trieste, Debora Serracchiani, Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia,  Sergio Paoletti, Presidente di AREA Science Park e Michele Balbi, Presidente di Teorema Engineering e co-ideatore TILT. Andrea Bignami, giornalista di Sky TG 24, modera la tavola rotonda a cui partecipano Stefano Casaleggi, Direttore Generale di AREA Science Park, Maurizio Fermeglia, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Trieste, Sebastiano Musso, Regional Manager Nord Est UniCredit S.p.A., Carlo Purassanta, Amministratore Delegato di Microsoft Italia.

SEGUI LA DIRETTA TWITTER

L’evento – che è svolto nella suggestiva sede Magazzino 26 di Porto Vecchio a Trieste – è stato ideato nel quadro di TILT (Teorema Incubation Lab Trieste), il Digital Hub italiano per lo sviluppo di startup nell’Information Technology, fondato lo scorso marzo da Teorema e AREA Science Park, in collaborazione con l’Università degli Studi di Trieste e Microsoft e il contributo del Comune di Trieste. TILT è oggi un ecosistema di competenze ed eccellenze sul territorio, frutto della collaborazione tra mondo delle Istituzioni Pubbliche e mondo privato.

Uno dei temi centrali del convegno è, infatti, il ruolo delle startup tecnologiche per la competitività del Paese e come modello di accelerazione nel processo di Digital Transformation delle aziende nazionali.

“È passato un anno dalla nascita di TILT, dodici mesi in cui abbiamo lavorato per selezionare idee di valore e per consolidare l’ecosistema e renderlo ancora più recettivo; il tutto in continuità con il nostro ruolo di generatore d’impresa. Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti. Creare una startup, soprattutto in ambito digitale, non è un gioco da ragazzi. Per far nascere e sostenere un’azienda in grado di affermarsi in modo stabile sul mercato ci vogliono sacrifici, costanza, impegno e professionalità. Ci vogliono lacrime, sudore e sangue. Iniziative come TILT ci permettono di lavorare in partnership con grandi player e dar vita così a un sistema in cui le giovani imprese possano crescere e contribuire al benessere del territorio”, dichiara Stefano Casaleggi, Direttore Generale di AREA Science Park.

“Si parla da tempo dell’opportunità di considerare le startup a elevato potenziale di crescita come motore di innovazione per le aziende che vogliono avviare percorsi di trasformazione digitale e, più in generale, per l’intero Sistema Paese. Ma fino a oggi è sembrata un’occasione mancata a causa di molti ostacoli. La fuga dei migliori talenti che hanno trovato all’estero in multinazionali solide il terreno fertile per sviluppare un’attività; la mancanza di capitali da investire in R&D che immobilizza molte delle nostre imprese eccellenti; il gap di competenze e know how che limita l’adozione delle tecnologie più innovative”, afferma Michele Balbi,Presidente di Teorema Engineering.

“Noi, nel nostro ruolo di Digital Advisor per le aziende e di fondatori di TILT per le nuove imprese, non abbiamo semplicemente delegato alle startup la responsabilità dell’innovazione. Abbiamo, invece, creato una sinergia virtuosa tra Istituzioni, aziende, Università prossime sul territorio per fondare un ecosistema dove la startup può crescere e proliferare per poi entrare in un’azienda strutturata solo quando è ormai avviata. In questo modo, la startup, insieme alla flessibilità e alla capacità di adattamento, porta all’azienda competenze e tecnologie innovative generando un vantaggio competitivo e trova un laboratorio esteso per la ricerca e lo sviluppo dove insediarsi e integrarsi, così da agevolare la creazione di soluzioni innovative”, conclude Balbi.

Nasce in questo modo l’idea del programma “Adotta una startup”, che TILT propone come modello di innovazione e accelerazione della Digital Transformation.

Oggi al Summit sono presentate le tre startup di TILT provenienti dall’ultimo bando pronte per l’adozione da parte di alcune aziende presenti al Summit. Le imprese che stanno entrando nel percorso di adozione sono: Fincantieri S.p.A., Illycaffè, Gruppo Principe, Geoclima, Specogna.

Le tre startup presentate oggi sono state scelte da una selezione di 30 candidature, sulla base di tecnologie estremamente innovative. Si tratta di realtà con idee e strutture consolidate e ad elevato potenziale di crescita e sono:

Foodchain e la tecnologia Blockchain. Startup di Como, Foodchain ha realizzato una piattaforma informatica basata sulla tecnologia blockchain che consente di tracciare e rintracciare materie e prodotti alimentari lungo tutta la filiera produttiva, rendendo i dati fruibili e condivisibili via web e mobile a chiunque intenda consultarli. Viene creato un codice univoco (con la possibilità di scegliere il supporto idoneo, QRcode, tag NFC o Rfid), applicato al prodotto che si intende tracciare e associato all’account del produttore. A capo di questo codice vengono inseriti tutti i dati che l’azienda cliente intende rendere noti sotto diverse forme (video, immagini, certificazioni); tali informazioni vengono immesse nel sistema e diventano fruibili in maniera trasparente, univoca, certa, inalterabile e indelebile per tutta la vita. Attraverso l’applicativo fornito, l’azienda cliente decide il grado di visibilità delle informazioni caricate: rendere pubblici tutti i dati inseriti oppure riservare l’accesso a dati specifici solo a utenti identificati, con la libertà di poter cambiare disposizioni in ogni momento con una semplice operazione sull’applicativo. Durante tutto il percorso che il prodotto compie all’interno della filiera è possibile aggiornare o aggiungere dati associati al prodotto, inclusa la sua posizione. I benefici di questa innovazione sono evidenti sia per la filiera produttiva sia per la distribuzione sia per il consumatore finale che ha la totale trasparenza su ciò che acquista.

Emoj misura le emozioni delle persone nel punto vendita. Questa startup ha concepito un business basato sull’offerta di un Toolbox in grado di catturare e interpretare le emozioni del cliente quando è in prossimità del prodotto o di un brand e proporre delle reazioni (luce, suoni, servizi custom) che agiscano a livello viscerale, emotivo e affettivo così da migliorarne la sua Customer Experience. Il toolbox è completo, costituito sia da una serie di strumenti hardware e software integrati nel negozio che permettono di eseguire analisi e proporre soluzioni in tempo reale sia da un servizio smart di consulenza grazie a cui le aziende possono interpretare i risultati ottenuti e avviare strategie di marketing vincenti.

Mysnowmaps combina neve, acqua ed energia. Società di Trento, fondata da ingegneri ambientali sensibili alle tematiche del risparmio energetico, ha una valenza sia business to business sia business to consumer. Prevede la disponibilità di mappe, che possono essere aggiornate dalla community, sull’innevamento di un determinato territorio e la conservazione dell’acqua, che permettono anche una previsione accurata sulla sua evoluzione, grazie a modelli matematici. Questo patrimonio di dati permette la condivisione fra utenti e la pianificazione di escursioni e viaggi, stimola azioni orientate alla sicurezza, contribuisce al monitoraggio del territorio a beneficio delle comunità scientifica e sportiva.