20/05/2021
Con Science&theCity_Young la scienza torna in città
Gli appuntamenti, organizzati da ICGEB, si terranno dal 24 al 27 maggio dal vivo all'Università di Trieste e in streaming
I Nostri Campus - Progetti e attività
Con Science&theCity_Young la scienza torna in città

La manifestazione Science&theCity_Young, realizzata da ICGEB con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia e in collaborazione con l’Università degli Studi di Trieste, con una formula rivolta soprattutto ai giovani, porterà ancora una volta la scienza in città.

Science&theCity_Young è organizzato da Serena Zacchigna, Capogruppo del laboratorio Cardiovascular Biology dell’ICGEB, professoressa di Biologia Molecolare all’Università degli Studi di Trieste ed esperta a livello internazionale nel campo della ricerca sulle malattie cardiovascolari.

Il nuovo ciclo di incontri si terrà all’Università di Trieste, Piazzale Europa 1, sopra la scalinata, nei giorni 24, 25, 26, 27 maggio 2021. In caso di intemperie ci si trasferisce in un’aula interna, con indicazioni in loco. Gli eventi si terranno in presenza, in linea con le norme di contenimento anti Covid-19. L’iscrizione è obbligatoria. È prevista anche la diretta streaming sulla pagina Facebook e il sito web di ICGEB – www.icgeb.org. Tutti gli incontri inizieranno alle ore 18:00 e vedranno esperti della ricerca bio-medica confrontarsi su tematiche di nuova generazione, legate alla prevenzione e alla salute – robotica, sonno, stress, disturbi alimentari – definendo i rischi e le conseguenze delle nostre scelte e dei nostri stili di vita.

Gli appuntamenti avranno un taglio dinamico e veloce e seguiranno il formato di dialogo, in cui gli esperti si confronteranno per 40 minuti su un tema di attualità scientifica. L’interazione con il pubblico e il dibattito saranno stimolati da innovativi metodi di comunicazione. Quest’anno in particolare è prevista la presenza di Jacopo Sacquegno, facilitatore grafico (o visual thinker) di Milano che userà semplici sketch, parole e scarabocchi per creare una mappa visuale delle tematiche affrontate. A mantenere attiva la partecipazione dei giovani e del pubblico, concorreranno anche sondaggi istantanei, piccole attività interattive e l’apertura mediatica sui social. Infine, il pubblico avrà la possibilità di rivolgere domande direttamente ai relatori. Gli appuntamenti saranno moderati da Luisa Alessio, divulgatrice scientifica.

Obiettivo degli eventi è offrire ai giovani studenti, e al pubblico in generale, l’opportunità di incontrare medici, scienziati, ricercatori. Negli incontri, gli esperti si confronteranno e approfondiranno tematiche di attualità scientifica, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile – il benessere, l’istruzione di qualità, l’industria, innovazione e infrastruttura (i.e. SDG3, SDG4 e SDG9 dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per porre fine alla povertà, proteggere il pianeta e migliorare la vita e le prospettive di tutte le persone, ovunque).

Il primo appuntamento di lunedì 24 maggio, alle ore 18:00, sarà incentrato sulla robotica indossabile. Serena Zacchigna dialogherà con Domenico Prattichizzo, professore di Robotica all’Università di Siena, sulle nuove frontiere tecnologiche dei sensori tattili e di movimento e sull’intelligenza artificiale. Il titolo dell’evento è Il corpo bionico che vorrei?

Il secondo appuntamento, martedì 25 maggio alle ore 18:00, ha il titolo Chi dorme piglia pesci e affronterà l’importanza del sonno. Ne parlerà Serena Zacchigna assieme a Pierluigi Dolso, della Clinica Neurologica dell’Università di Udine. I due relatori racconteranno al pubblico perché si dorme, quanto e come è ottimale dormire e quali sono i più comuni disturbi legati al sonno.

Nell’appuntamento di mercoledì 26 maggio alle ore 18:00 si parlerà di Che stress questo COVID e di quali sono le implicazioni dello stress nella vita di giovani e adulti. Lo stress ci fa veramente ammalare? Assieme a Serena Zacchigna ci sarà Laura Pomicino, psicologa e psicoterapeuta.

Giovedì 27 maggio alle ore 18 ci sarà l’ultimo incontro e si affronteranno tematiche riguardanti l’accettazione del proprio corpo e i disturbi alimentari, per aiutare a capire quando il cibo diventa malattia. Serena Zacchigna dialogherà con Giuseppe Abbracciavento, neuropsichiatra infantile dell’IRCCS Burlo Garofolo, in un incontro dal titolo Cibo, scusa il disturbo.

L’ingresso agli incontri è libero fino a esaurimento dei posti disponibili. Come da regolamento anti Covid-19 dell’Università di Trieste, l’iscrizione è obbligatoria al link: https://www.icgeb.org/trieste-science-the-city-young-registration/

Tutti gli eventi sono in italiano.

CONTATTACI

Cerchi opportunità professionali? Scopri la sezione con le selezioni per assegni e borse di ricerca, bandi di concorso e altre offerte di lavoro

  • Favoriamo la creazione di posti di lavoro e lo sviluppo economico
  • Miglioriamo la competitività delle aziende
  • Trasformiamo le idee in risultati economici
  • Valorizziamo i risultati della ricerca

se clicchi INVIA aderisci alla policy privacy