AREA SCIENCE PARK LANCIA LA SUA NUOVA IDENTITÀ SUI MEDIA NAZIONALI

15/09/2017 - Servizi per l'Innovazione - Istituzionale
“L’innovazione conta” è il motto di una campagna basata su un paradosso

È partita ufficialmente la nuova campagna di comunicazione istituzionale di AREA Science Park, l’ente nazionale di ricerca, attivo da quasi quarant’anni nel mondo dell’innovazione a sostegno delle imprese.  La scelta di realizzare una campagna nasce dall’esigenza di raccontare il nuovo ruolo che l’ente ricopre a livello nazionale e internazionale, un ruolo attivo nello sviluppo economico del territorio basato sull’interazione tra ricerca e industria, sfruttando innovazione e alta tecnologia.

“AREA Science Park è una realtà in evoluzione, lo è sempre stata e continuerà a esserlo – spiega il presidente Sergio Paoletti –. Occupandoci di innovazione, dobbiamo e vogliamo essere un ente dinamico e pronto ad accettare e cogliere tutte le sfide che il mercato offre. L’innovazione, che per sua natura cambia continuamente, ci ha portato a evolvere anticipando i tempi”.

A conferma di ciò AREA Science Park, nata nel 1978 come parco scientifico e tecnologico, ha negli anni mutato la sua natura differenziando  e ampliando le attività, in alcuni casi in modo pionieristico.

Sin dalla fine degli anni ’90 si è, infatti,  occupata di trasferimento tecnologico quando era raro anche solo sentirne parlare. A oggi, sono state quasi 4.500 le imprese coinvolte e oltre 3.500 gli interventi di innovazione realizzati in impresa.

“Analizziamo i trend, ascoltiamo le esigenze delle aziende e, quindi, del mercato e cerchiamo di essere recettivi al cambiamento ed  è per questo che da due anni lavoriamo a progetti che hanno l’ambizione di accelerare lo sviluppo del territorio e aumentarne la competitività – racconta Stefano Casaleggi, direttore di AREA Science Park -. Puntiamo su sviluppo industriale e alta tecnologia, innovazione e creazione di impresa, motori economici in grado di generare valore e, quindi, nuova occupazione”.

LA CAMPAGNA “E se 1+1 facesse 3?”

La campagna, ulteriore avanzamento di una metamorfosi iniziata a fine 2015 con il restyling del logo, è stata realizzata dall’agenzia di comunicazione Proforma, che ha voluto sottolineare il momento paradossale che il concetto di “futuro” sta vivendo in questi tempi: non più e non solo un termine associato al progresso e al miglioramento delle condizioni di vita ma, talvolta, fonte di incertezza e di inquietudine.

Per farlo ha puntato sull’esaltazione dei principali punti di forza dei servizi offerti da AREA Science Park: trasformare idee in opportunità di business, innovare metodi e processi di lavoro, aiutare imprese e start-up a vincere le sfide della competitività in mercati sempre più turbolenti.

Questa identità di AREA e questa capacità di costruire valore è stata raccontata da uno slogan altrettanto paradossale: “E se 1+1 facesse 3?”: se la matematica non è un’opinione, il modo di affrontare il futuro è invece oggetto di profonde discussioni a tutti i livelli del sapere, e AREA Science Park si candida ad aiutare le imprese a trovare la propria strada, il proprio percorso virtuoso nel futuro.

La campagna è stata sviluppata attraverso un annuncio stampa pubblicato su prestigiose testate nazionali (L’economia de Il Corriere della Sera, Affari e Finanza de La Repubblica, Il Sole24ore), attraverso uno spot video di 30 secondi prodotto da Fantastificio, perno di una strategia di comunicazione su Facebook e YouTube, e attraverso uno spot radio in onda per due settimane su Radio24.