EMILIE E I SUOI “FRATELLI”: I RISULTATI DEI PROGETTI DEL PROGRAMMA MED PRESENTATI A BRUXELLES

- - Energia
EFFICIENZA ENERGETICA ED ENERGIE RINNOVABILI NELLE REGIONI E CITTÀ DEL MEDITERRANEO

L’area del Mediterraneo ha un grande potenziale per lo sfruttamento delle energie rinnovabili e tuttavia presenta dei livelli di efficienza energetica inferiori rispetto ad altre regioni europee. Nel periodo 2007 – 2013 il Programma MED ha attivamente affrontato questa criticità, sviluppando 28 progetti di cooperazione transnazionale in 13 Paesi grazie ai quali le regioni mediterranee hanno incrementato la loro capacità di utilizzare le fonti di energia rinnovabile e di affrontare la sfida dell’efficienza energetica con soluzioni innovative e sostenibili, aprendo la strada a nuove opportunità economiche. Il workshop ‘Innovation for renewable energy and energy efficiency solutions in Mediterranean regions and cities’, organizzato il 18 giugno a Bruxelles nell’ambito dellaSettimana Europea dell’Energia Sostenibile 2015, sarà l’occasione per avere un’ampia panoramica su ciò che è stato realizzato per sostenere l’innovazione tecnologica e per l’armonizzazione delle normative, con uno sguardo sulle nuove strategie della programmazione MED e sui canali di finanziamento futuri.

La maggior parte dei progetti realizzati grazie ai finanziamenti del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), ha sostenuto le Piccole e Medie Imprese dell’area mediterranea nel loro avvicinamento alle energie rinnovabili e al tema dell’efficienza energetica. I risultati prodotti dai progetti MED comprendono strumenti per la performance energetica, creazione di piattaforme e cluster, identificazione di buone pratiche, realizzazione di impianti pilota, attività di monitoraggio, produzione di materiali informativi, azioni di coinvolgimento della società civile, attivazione di  partenariati pubblico privati e non solo. Tra i progetti realizzati si può citareEMILIE (Enhancing Mediterranean Initiatives Leading SMEs to innovation in building energy efficiency technologies), dedicato allp sviluppo e delle capacità di innovazione delle PMI nell’ambito dell’efficienza energetica degli edifici nel settore terziario. Emilie sostiene, tra l’altro il testing e la diffusione di nuovi prodotti e tecnologie come avvenuto nell’AREA Science Park di Trieste con un impianto pilota di solar cooling denominato “SunLab” il cui funzionamento è descritto in questo

Ultimo aspetto, ma non meno importante, il workshop di Bruxelles sarà un momento di presentazione e discussione sulle future opportunità di finanziamento per le tecnologie alimentate con fonti energetiche rinnovabili, l’efficienza energetica e la mobilità sostenibile, contribuendo a rendere più efficiente l’Europa nell’utilizzo delle risorse.  L’evento si rivolge a due target principali: gli utenti finali dei risultati progettuali, in particolare le PMI e cittadini, i rappresentanti delle amministrazioni locali mediterranee, le autorità pubbliche come potenziali moltiplicatori delle potenzialità di tali risultati. A fare da relatori saranno funzionari della Commissione Europea (in particolare DG REGIO ed ENERGIA), della Banca Europea degli investimenti, del patto dei Sindaci e vari beneficiari dei progetti (vedi agenda allegata).