L’estensione del Progetto Urban Center

Valorizzazione dell’intera area

Si è ritenuto fondamentale pensare all’Urban Center ad una scala più ampia coinvolgendo anche gli spazi urbani adiacenti per stabilire nuove relazioni tra le diverse parti di città e far diventare l’attuale parcheggio del Molo IV una nuova piazza di rappresentanza urbana, virtuale prolungamento all’esterno degli spazi dell’Urban Center, nonchè nodo di connessione tra la città storica e quella futura. In questa piazza infatti confluiscono coni visuali su alcuni dei maggiori siti di interesse della città (la stazione centrale e la sala Tripcovich, la chiesa di Monte Grisa e l’altopiano carsico, il Faro della Vittoria e il castello di Miramare, le Rive di Trieste e piazza Unità, il Castello di San Giusto e il pontone galleggiante Ursus), ma anche significativi flussi di persone e trasporto urbano che dalla stazione centrale e viale Miramare si dirigono in direzione delle Rive cittadine e oltre. L’attuale e stretto marciapiede di Corso Cavour, via altamente trafficata, non consente ai pedoni che giungono da piazza libertà un piacevole ingresso alla città. Liberare lo spazio del Molo IV dai parcheggi attualmente esistenti consentirebbe di far confluire i percorsi pedonali in un’unica e grande piazza che dalla stazione centrale passerebbe in Largo Città di Santos davanti alle porte del Punto Franco Vecchio progettate dall’architetto Zaninovich per arrivare all’edificio dell’Urban Center e proseguire direttamente verso il mare nell’area adiacente il magazzino del molo IV.
A tal fine si è pensato di ricollocare gli attuali parcheggi presenti al Molo IV in una zona strategica a ridosso del Silos che servirebbe sia la stazione centrale che la zona del porto vecchio e svolgerebbero la funzione di  nodo di interconnessione del tipo “Park & Ride” in sinergia con un servizio di trasporto urbano elettrico con lo scopo di snellire il traffico cittadino e rispettare l’ambiente. Tra le proposte si mette in evidenza  anche la realizzazione di un unico percorso ciclo-pedonale, attrezzato con punti di noleggio, da Barcola fino alla zona della Lanterna.

In Corso Cavour 2/2 un tempo sorgeva un magazzino di stoccaggio del sale che era stato pensato in collegamento con la ferrovia e con i vicini varchi doganali del Porto Vecchio. La quota d’imposta del piano terra risulta infatti innalzata di circa un metro rispetto al livello stradale in modo da favorire rapide e facili operazioni di carico e scarico dai vagoni del treno che vi passavano proprio davanti.

L’attuale edificio per uffici è stato costruito negli anni Cinquanta del secolo scorso demolendo questo magazzino del sale, ma mantenendone  la quota d’imposta del piano terra.

Il progetto di recupero e riqualificazione dell’area intende valorizzare questa quota sopraelevata realizzando una piazza costituita da diversi dislivelli che gradualmente scendono verso il mare. Si verrebbero così a creare spazi diversificati e flessibili, luoghi di sosta o di movimento, aree di incontro e socializzazione   adattabili per l’allestimento di eventi di vario genere e nuovi punti di vista da cui guardare alla città, primo fra tutti il prolungamento a mare del molo IV.

Particolare attenzione è stata rivolta alla progettazione efficiente dell’involucro edilizio al fine di minimizzare i fabbisogni energetici per riscaldamento, raffrescamento e illuminazione attraverso l’installazione di impianti efficienti e l’uso di fonti rinnovabili, in linea con gli obiettivi nZEB.

La facciata su Corso Cavour sfrutta lo spessore della pensilina esistente per costruire un secondo involucro che conferisce all’edificio un nuovo aspetto formale, ma serve anche a contenere gli impianti tecnologici e come ottimizzazione delle caratteristiche di trasmittanza termica.

La facciata lato mare invece è concepita come una doppia pelle altamente trasparente che funziona sia da filtro tra interno ed esterno che da insegna luminosa e multimediale visibile a scala urbana dal mare.


Inquadramento urbanistico


Schemi d’insieme


Torna alla home page di Urban Center