TO THE NEXT 40 YEARS OF SCIENCE AND INNOVATION
Area Science Park celebra i suoi primi quarant'anni di attività con un evento dedicato all'innovazione che guarda al futuro.

La connessione tra mondo della ricerca e dell’impresa, la distribuzione e la logistica della conoscenza, lo sviluppo industriale e l’internazionalizzazione. Sono questi i temi al centro di To the next 40 years of science and innovation, l’evento con cui Area Science Park celebra i suoi primi quarant’anni di attività.

Un’occasione di confronto, in programma a Trieste venerdì 25 maggio nella prestigiosa sala del Ridotto del Teatro Verdi, che parte dall’idea condivisa secondo cui l’innovazione – di processo e prodotto – è la leva su cui puntare per accrescere la produttività del Paese, creare nuovi posti di lavoro e aumentarne la competitività.

Ma che cosa significa veramente investire in innovazione? Che ruolo possono avere (o devono avere) le università e i centri di ricerca, le aziende private e le istituzioni pubbliche? E in che modo la partnership pubblico-privato può facilitare l’avvio di processi innovativi? A queste e altre domande sono chiamati a rispondere esponenti di fama nazionale del mondo dell’innovazione, dell’industria e della scienza, rappresentanti del mondo istituzionale e politico, moderati dal giornalista economico Alan Friedman.

Dopo i saluti di benvenuto del presidente di Area Science Park, Sergio Paoletti, e un keynote del direttore generale di Area Stefano Casaleggi dedicato alla necessaria collaborazione tra mondo pubblico e privato, è in programma una tavola rotonda.

Tra i protagonisti Licia Mattioli, vice presidente per l’Internazionalizzazione di Confindustria nonché amministratrice delegata della Mattioli Spa, che parlerà dell’innovazione come elemento essenziale per far nascere nuove imprese e generare nuovi posti di lavoro. Di internazionalizzazione e modernizzazione delle infrastrutture parlerà, invece, Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, partner di Area Science Park nella creazione dell’hub industriale che vuole attrarre nel porto di Trieste imprese innovative ad alta tecnologia.

Sarà, poi, la volta di Arnaldo Camuffo, direttore del Centro di Ricerca ICRIOS dell’Università Bocconi di Milano, esperto di economia e trasformazione digitale. Sulla necessità di creare network per ottimizzare le risorse e valorizzare le competenze, si focalizzerà Giuseppe Macino, direttore del progetto bandiera Epigen. Eccellenza italiana, multidisciplinare, Epigen coinvolge 70 gruppi di ricerca diversi con l’obiettivo di comprendere come i meccanismi epigenetici regolano i processi biologici, determinano la variazione fenotipica e contribuiscono all’insorgenza e alla progressione delle malattie.

All’evento parteciperà, inoltre, il neo eletto presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga.

Per partecipare: https://www.areasciencepark.it/tothenextforty

CONTATTACI

  • Favoriamo la creazione di posti di lavoro e lo sviluppo economico
  • Miglioriamo la competitività delle aziende
  • Trasformiamo le idee in risultati economici
  • Valorizziamo i risultati della ricerca

CONTATTACI VIA MAIL O COMPILANDO IL FORM

se clicchi INVIA aderisci alla policy privacy